Antonioli Osvaldo

Antonioli OsvaldoAntonioli Osvaldo, figlio di NN e di Antilope Antonioli, nasce a Crespino (Rovigo) il 24 maggio 1924. Di mestiere agricoltore e operaio, risiede a Villa Bartolomea (Verona) ed è celibe. Viene arrestato dalla polizia fascista e dalle SS a Villa Bartolomea il 1° dicembre 1944 e detenuto a Forte San Leonardo. Viene successivamente trasferito nel Campo di concentramento e transito di Bolzano (Polizei – und Durchgangslager Bozen), dove gli viene assegnato il numero di matricola 8112. Su disposizione della Sipo di Verona (Sicherheitspolizei – Polizia di Sicurezza), viene deportato nel Campo di concentramento di Mauthausen il 1° febbraio 1945 (trasporto n° 119). All’arrivo, il 4 febbraio 1945, gli viene assegnato il numero di matricola 126018 e viene classificato come deportato per motivi precauzionali (SCH – Schutzhäftlinge). Il 17 febbraio 1945 viene trasferito a Gusen (campo satellite di Mauthausen). Muore a Gusen il 25 marzo 1945 e viene sepolto nella stessa località in fossa comune.

Fonti: Archivio Aned Verona, Archivio Tibaldi, Venegoni, Libro dei Deportati, NARA – Washington, Ministero della Difesa, Arolsen.

Documenti tratti da The Arolsen Archives online collections – 1333967 / Antonioli Osvaldo (Mauthausen).

001 (1)
Documenti di registrazione del KL di Mauthausen in The Arolsen Archives online collections – 1333967 / Antonioli Osvaldo (Mauthausen).